Calcolosi renale e vescicale

Il calcolo è una massa solida formata dall’aggregazione di cristalli che possono essere presenti nelle urine. I cristalli, aggregandosi, crescono di dimensioni formando i calcoli che possono essere di grandezza molto variabile, da un granello di sabbia ad una pallina da golf.

Da cosa sono costituiti i calcoli renali
Nel 70-80% dei casi i calcoli sono costituiti dal solo calcio ossalato o da calcio ossalato insieme al calcio fosfato. Nel 10-15% dei casi i calcoli urinari sono costituiti da fosfato di ammonio e magnesio. Tali calcoli sono correlati ad infezioni delle vie urinarie. Nel 10-15% dei casi sono costituiti da acido urico. Vi sono infine i calcoli di cistina (1% dei casi).

Quale è l’incidenza della calcolosi
La calcolosi renale (o nefrolitiasi) è una delle patologie più comuni. Si stima che circa il 10% della popolazione abbia avuto nel corso della propria vita un episodio di calcolosi urinaria. Gli uomini sono colpiti più frequentemente rispetto alle donne.

Quali sono i sintomi della calcolosi
La calcolosi renale (o nefrolitiasi) non causa abitualmente alcun disturbo fino a quando non intervengono complicanze. Il dolore pertanto può mancare anche per calcoli molto voluminosi che ostruiscano in parte o completamente le vie urinarie. Talvolta invece si ha dolore con sensazione di peso doloroso nella regione lombare che si può irradiare verso l’inguine. Il calcolo, danneggiando la mucosa urinaria può determinare microematuria (sangue che si evidenzia solamente all’esame delle urine). Talvolta invece il dolore è particolarmente intenso e si manifesta la classica ”colica renale’. Abitualmente la colica renale è causata dal passaggio del calcolo dal rene all’uretere. Il dolore, spesso violentissimo, inizia nella regione lombare corrispondente a quella del rene colpito, e si irradia in avanti verso i genitali. Può essere accompagnato da nausea e vomito. Può durare poche ore o può ripetersi anche per molti giorni se il calcolo continua a muoversi, è spesso accompagnato da macroematuria (sangue nelle urine che si evidenzia anche ad occhio nudo).

Quali sono le complicanze della nefrolitiasi
Le complicanze più rilevanti della nefrolitiasi sono l’ostruzione urinaria con dilatazione delle vie urinarie a monte (idronefrosi) e le infezioni delle vie urinarie. L’idronefrosi può causare colica renale, a volte solo dolore sordo, a volte non essere accompagnata da alcun disturbo. In quest’ ultimo caso il paziente non se ne rende conto e ne possono derivare seri danni al rene fino alla perdita irreversibile dello stesso, ostruito dai calcoli, in caso di mancato intervento. Le infezioni delle vie urinarie sono tanto più frequenti quanto più voluminoso è il calcolo. Sono difficili da eradicare in quanto i germi si nascondono all’ interno del calcolo, dove più difficilmente possono essere raggiunti e distrutti dagli antibiotici.

Come si fa la diagnosi di calcolosi urinaria
L’ecografia consente di rilevare la maggior parte dei calcoli, per la presenza del caratteristico cono d’ombra posteriore. Utile è altresì la radiografia diretta dell’addome che consente di distinguere i calcoli radio-opachi. Vi è poi urografia, spesso necessaria per un accurato iter diagnostico. Essa però richiede l’iniezione di un mezzo di contrasto in vena che, sia pur raramente, può essere allergizzante. La TAC spirale è l’indagine di elezione.

Dove possono essere localizzati i calcoli
I calcoli si formano nei reni ma si possono riscontrare anche negli ureteri ed in vescica.

TRATTAMENTO
La Trattamento medica della nefrolitiasi ha lo scopo di prevenire le recidive, di impedire l’accrescimento dei calcoli già presenti nelle vie urinarie, ed in taluni casi di ottenere la dissoluzione completa o parziale del calcolo. Questi risultati possono essere raggiunti con la riduzione della saturazione urinaria dei sali litogeni e con l’incremento della concentrazione urinaria degli inibitori della formazione, dell’accrescimento e dell’aggregazione dei cristalli. Il trattamento della calcolosi reno-ureterale in atto, fino a pochi anni or sono essenzialmente chirurgico, ha di recente subito uno straordinario cambiamento con l’ampia introduzione nella pratica clinica del trattamento extracorporeo ad onde d’urto. Questo non deve ridurre l’importanza della Trattamento medica che, a fronte di costi trascurabili, permette un’efficace prevenzione secondaria della calcolosi renale con netta riduzione dei costi sia soggettivi che sociali. L’etiologia della urolitiasi è diversa a seconda della natura del calcolo, per cui la definizione della sua composizione chimica e lo studio del paziente per l’identificazione dei fattori di rischio litogeno (2), sono la necessaria premessa ad una concreta Trattamento idropinica, dietetica e, se necessario, farmacologica (3). Il primo provvedimento terapeutico, valido per tutti i tipi di nefrolitiasi, è la Trattamento idropinica (4). Questa consiste nell’introduzione di una elevata quantità di liquidi, distribuiti uniformemente in tutta la giornata, onde ottenere una diuresi giornaliera superiore a 2 litri, valore oltre il quale l’efficacia della Trattamento idropinica diventa significativa. La quantità di liquidi necessaria ad ottenere tale volume urinario non può essere fissa, data la variabilità delle perdite idriche extrarenali che sono influenzate dal clima, dal microclima, e dal tipo di attività fisica del paziente, ecc. Il paziente deve quindi essere istruito ad adattare l’introduzione di fluidi in modo tale da garantire lo scopo prefisso. Generalmente vengono consigliate acque oligominerali, mentre nella calcolosi di acido urico e di cistina sono da preferirsi acque alcaline. Comunque, laddove non esista una ipercalciuria dieta-dipendente, l’uso di acque particolarmente povere in calcio (< 40 mg/l) può non essere opportuno. Infatti una spiccata riduzione del contenuto intestinale di calcio può favorire un iperassorbimento di ossalato che si traduce in una sua maggiore escrezione urinaria, vanificando così l’effetto positivo di un’eventuale riduzione della calciuria . Nel caso di un’ipercalciuria dieta indipendente, si può inoltre esporre il paziente al rischio di un bilancio negativo del calcio. Anche studi riguardanti la prevenzione primaria, indicano che un ridotto apporto dietetico di calcio può addirittura favorire l’insorgenza della calcolosi renale.

Calcolosi calcica
La calcolosi più frequente nelle nostre regioni è quella calcica. Può presentarsi come forma primitiva o secondaria a malformazioni delle vie urinarie, rene a spugna midollare, rene policistico o multicistico, o ad alterazioni metaboliche come nell’iperparatiroidismo primitivo, malattie ossee, sarcoidosi, immobilizzazione, intossicazione da vit. D, ecc. E’ necessario far distinzione tra la calcolosi di fosfato di calcio e di ossalato di calcio. La calcolosi di fosfato di calcio è meno frequente e generalmente è secondaria ad iperparatiroidismo primitivo o ad acidosi tubulare renale distale: la rimozione dell’adenoma paratiroideo o la Trattamento alcalinizzante sono, rispettivamente, i provvedimenti da adottare. La calcolosi primitiva più frequente è senza dubbio quello di ossalato di calcio. Essa riconosce una patogenesi multifattoriale, risultato di uno squilibrio tra i fattori che favoriscono e quelli che impediscono la formazione e l’aggregazione dei cristalli. Alcune alterazioni come l’ipercalciuria, l’iperuricuria e l’iperossaluria sono ritenuti fattori di rischio litogeno; molto importante è anche la riduzione dell’escrezione urinaria di inibitori come il citrato, il magnesio, il pirofosfato, lo zinco e i glicosaminoglicani. L’individuazione nel singolo paziente di una o più alterazioni (tab. II), è alla base di una Trattamento preventiva mirata ed efficace.

Trattamento della ipercalciuria
L’ipercalciuria idiopatica può essere distinta in “dieta-dipendente” o “dieta-indipendente”, in base alla risposta ad una dieta ipocalcica (400 mg di calcio al dì). Solamente nei pazienti che hanno mostrato la correzione dell’ipercalciuria (ipercalciuria dieta-dipendente) è da consigliare una dieta rigorosamente ipocalcica. La prescrizione indiscriminata di una dieta ipocalcica non è infatti esente da rischi, quali un bilancio negativo del calcio ed un aumento dell’assorbimento intestinale (e quindi della escrezione urinaria) di acido ossalico. Comunque, una moderata riduzione dell’introduzione di calcio (quale quella ottenibile con la sola esclusione dei latticini) è un provvedimento dietetico prudente e privo di rischi. L’aggiunta di fibre vegetali nella dieta può essere utile per ostacolare l’assorbimento intestinale di calcio), mentre la limitazione del sale può ridurne l’escrezione con le urine. Importante è anche la quantità di proteine animali introdotte con la dieta): un eccessivo apporto proteico, e quindi di aminoacidi solforati, è causa di una aumentata escrezione urinaria di calcio.
Principali fattori di rischio metabolici per la calcolosi renale ossalocalcica. I farmaci più largamente utilizzati nella Trattamento della ipercalciuria sono i diuretici tiazidici (11). L ’indicazione elettiva è l’ipercalciuria renale, ma sono impiegati anche nelle forme da elevato assorbimento intestinale, dove è comunque preferibile utilizzare chelanti intestinali del calcio, come il fosfato neutro o acido di potassio, o il fosfato di cellulosa (12, 13). I tiazidici hanno anche altri effetti positivi come l’aumento dell’escrezione urinaria del magnesio e la riduzione dell’ossaluria (che avviene dopo alcuni mesi di Trattamento), mentre un effetto indesiderato è la riduzione della citraturia. La dose media, per l’idroclorotiazide, è di 50 mg al dì, generalmente in associazione con 5 mg di amiloride. Un altro diuretico simil-tiazidico, ben tollerato, e con azione ipocalciurica è il fenquizone, alla dose di 10 mg al giorno (14).

Trattamento della iperossaluria
La rigida restrizione dietetica di ossalato, contenuto in gran parte nella verdura e nella frutta, può essere giustificata quando vi sia il fondato sospetto di un suo aumentato assorbimento intestinale. Questo si può verificare nelle malattie infiammatorie croniche dell’intestino, nella steatorrea o più frequentemente nel corso di diete ipocalciche o di Trattamento con chelanti intestinali del calcio. In linea generale appare utile eliminare solo gli alimenti molto ricchi di ossalato, come frutta secca, cioccolato, spinaci, rabarbaro (15). Infatti, una dieta che escluda gran parte della frutta e della verdura diventa inevitabilmente ricca in proteine animali; questo avrà effetti negativi sull’escrezione urinaria di calcio, acido urico e citrato, e solo una dubbia riduzione dell’ossaluria per l’aumento della quota di produzione endogena da precursori aminoacidi come glicina, serina, idrossiprolina e triptofano. E’ inoltre consigliabile evitare l’assunzione non giustificata di dosi farmacologiche di acido ascorbico, che è un precursore metabolico diretto dell’acido ossalico. I provvedimenti farmacologici, nell’iperossaluria, sono scarsi e spesso infruttuosi. Talora questa condizione può risentire favorevolmente del trattamento con Vitamina B6, con idrossido di magnesio o con calcio carbonato. Una riduzione dell’ossaluria è stata descritta nei trattamenti long-term con tiazidici e mediata, probabilmente, da una riduzione dell’assorbimento intestinale del calcio (16).

Trattamento della iperuricuria
L’iperuricuria è condizione molto frequente nella calcolosi ossalocalcica dell’età più avanzata (17). L’origine è prevalentemente alimentare, per cui una dieta a ridotto contenuto purinico è senz’altro il primo provvedimento terapeutico da consigliare; dovranno essere così esclusi dalla dieta frattaglie, selvaggina, pesce azzurro, e deve essere diminuito il consumo di carne. Se questi provvedimenti dietetici non sono sufficienti, si può associare allopurinolo alla dose di 150-300 mg al giorno (3).

Trattamento della ipocitraturia
L’ipocitraturia è un fattore di rischio di notevole importanza anche nella calcolosi di ossalato di calcio (18), oltre che in quella di fosfato di calcio, perché il citrato è un potente inibitore sia nella fase di nucleazione che della fase di accrescimento ed aggregazione dei cristalli (19). L’escrezione urinaria di citrato è influenzata dallo stato acido-base dell’organismo: infatti la citraturia si riduce con un carico di acidi ed aumenta con la somministrazione di basi. Per questo motivo è consigliabile una dieta ristretta in proteine di origine animale, che sono la fonte principale della produzione netta diidrogenioni dell’organismo. La somministrazione di alcalinizzanti, alla dose di 40-60 mEq di basi al giorno, in 2-3 somministrazioni, determina un aumento della citraturia. Il citrato di potassio è il prodotto da preferire, soprattutto in corso di Trattamento con tiazidici (20), che possono determinare, quale effetto collaterale indesiderato, la riduzione della citraturia conseguente alla deplezione di potassio. In conclusione, nella calcolosi ossalocalcica sono sempre da consigliare la Trattamento idropinica ed una moderata riduzione dell’apporto proteico, 0,8-1,0 g/kg/die, che consente, nello stesso tempo, di ridurre la calciuria, l’ossaluria, l’uricuria e di aumentare la citraturia. Una Trattamento prima dietetica (11, 15) e poi farmacologica (3), le più mirate possibile, devono essere consigliate sulla base dei fattori di rischio individuati nei singoli pazienti.

Calcolosi di acido urico
La causa della formazione di calcoli di acido urico è l’eccessiva e costante acidità delle urine, che permette all’acido urico di rimanere nella sua forma indissociata, quindi scarsamente solubile (1). La Trattamento deve perciò mirare a mantenere il pH delle urine intorno a a6,0-6,5, livello al quale quasi tutto l’acido urico è nella sua forma dissociata. Bisogna evitare valori di pH superiori perché, oltre che inutile, si rischia la precipitazione del fosfato di calcio.
Il bicarbonato di sodio, il citrato di sodio e di potassio rappresentano quindi la Trattamento elettiva: la dose media, che deve comunque essere modificata in base al valore di pH urinario ottenuto, si aggira intorno a 40- 60 mEq di basi al giorno. Anche in questo caso può essere utile una dieta a ridotto contenuto proteico e prevalentemente vegetariana per ridurre sia il carico di purine, e quindi l’uricuria, che l’escrezione urinaria di idrogenioni. L’impiego di allopurinolo è da consigliare soprattutto nei casi di elevata uricuria e durante tentativi di dissoluzione medica del calcolo.

Calcolosi di cistina
La calcolosi di cistina interessa i pazienti affetti da cistinuria, condizione caratterizzata da un difetto del trasporto tubulare renale di aminoacidi dibasici, quali lisina, ornitina, arginina e cistina. La cistina viene quindi persa nelle urine dove dà origine a calcoli perché scarsamente solubile il pK delle 2 forme di dissociazione della cistina 8,2 e 9,3. Molto importante è la Trattamento idropinica al fine di ridurre la concentrazione urinaria di cistina almeno al di sotto di 300 mg/l, cioè in zona di sottosaturazione. Importante è anche la Trattamento alcalinizzante delle urine per favorire la solubilità della cistina (21). La massima efficacia si avrà per valori di pH intorno ad 8, livelli comunque a rischio per la precipitazione del fosfato di calcio. La dose necessaria ad alcalinizzare le urine deve essere superiore alla produzione endogena di idrogenioni, che in media è di circa 80-100 mEq a dieta mista libera. E’ consigliabile una dieta povera in metionina precursore della cistina, e quindi povera in carne, pesce e soprattutto di latticini. Tale provvedimento si rivelerà utile anche per ridurre l’escrezione di fosfato e di calcio, in considerazione della scarsa solubilità del fosfato di calcio ai valori terapeutici di pH delle urine. Per favorire la solubilizzazione della cistina nelle urine è stata usata la penicillamina, ma i pesanti effetti collaterali ne limitano fortemente l’uso (22).

Calcolosi di struvite
La calcolosi di struvite è consequenza della sepsi urinaria da germi ureasi produttori che conduce alla sovrasaturazione del fosfato-ammoniomagnesiaco e del carbonato apatite (o struvite) (23). Di fondamentale importanza è la prevenzione primaria, che consiste nel trattare prontamente le infezioni delle vie urinarie e fornire sempre una adeguata copertura antibiotica durante cateterismi o manovre strumentali delle vie urinarie. L’eradicazione dell’infezione nella calcolosi di struvite è opera quasi impossibile: per questo la Trattamento antisettica dovrà essere intrapresa quando l’infezione è sintomatica o quando la batteriuria è significativa. Nei casi di frequente ricorrenza dei sintomi, abbiamo verificato l’utilità di uno schema di Trattamento antibiotica a basso dosaggio, che prevede una monodose serale (cambiando farmaco ogni 7-10 giorni) per un totale di 2-3 mesi. Il rischio di favorire una farmaco-resistenza è reale, ma non tale, a nostro parere, da scoraggiarne l’uso. Sono stati proposti alcuni farmaci ureasinibitori, ma loro tossicità ed i modesti risultati ne limitano notevolmente l’applicazione clinica. Anche l’acidificazione urinaria, ottenibile con la supplementazione dietetica di metionina (24), non sembra aiutare il paziente affetto da calcolosi di struvite. Essa rimane la forma più difficile da trattare e presenta la prognosi peggiore in termini di progressione verso l’insufficienza renale cronica.

scatola calcomev

puoi provare

CalcoMEV

scatola calcomev plus

puoi provare

CalcoMEV Plus

Si consiglia di rivolgersi al proprio medico di famiglia o medico specialista. Queste pagine danno un’informazione generale e superficiale.